Fatica a dormire, come riferisce a The Guardian, il presidente della Uefa, Aleksandar Čeferin , alle prese con le problematiche causate nel sistema del calcio europeo dalla pandemia

di Stefano Esposito

“C’è ancora molto lavoro da fare. Sono stato in Svizzera la scorsa settimana per la prima volta in due mesi e ho avuto incontri dalle 9 alle 23. Ci sono così tante decisioni da prendere e così tanti problemi di calendario, oltre alle dozzine di milioni di dollari che perderemo. È quindi difficile addormentarsi di notte. La situazione per Uefa non è così allarmante, non siamo in una situazione pericolosa, ma ci preoccupiamo ancora dei club, delle leghe e delle parti interessate, quindi è molto lavoro”

ad

Il numero uno della Federazione europea ha parlato della decisione di posticipare Euro 2020 al prossimo anno, come uno dei motivi principali che gli impedivano di dormire: “All’inizio dell’emergenza era ancora peggio, non riuscivo ad addormentarmi fino alle 4 del mattino. Proprio in una di quelle notti insonni ho preso la decisione di posticipare l’europeo”.

Ci sono molti problemi che tolgono il sonno, ma Ceferin guarda al futuro con speranza e ottimismo: “Sono fiducioso che l’Europeo si potrà giocare il prossimo anno e non vedo perché no, sarei pronto a scommetterci. Non penso che questo virus durerà per sempre. Penso che passerà prima di quanto molti pensano”.

“È una situazione grave, ma i contagi stanno calando e siamo più attenti nell’applicare le misure. Sappiamo di più sul virus e in generale sono una persona ottimista. Non mi piace questa visione apocalittica secondo cui dobbiamo aspettare la seconda e la terza ondata o anche la quinta ondata … le persone che conosciamo probabilmente moriranno un giorno, ma dobbiamo preoccuparci oggi? Io non la penso così. Siamo pronti e seguiremo le raccomandazioni delle autorità, ma sono assolutamente sicuro, personalmente, che il buon vecchio calcio con i tifosi tornerà molto presto”

Sulle conseguenze che la pandemia avrà sul calcio, con uno sguardo anche alla società in generale: “Non penso che nulla cambierà per sempre. È una nuova esperienza e quando ci libereremo di questo sanguinoso virus le cose torneranno alla normalità. Il calcio non è cambiato dopo la seconda guerra mondiale, o la prima guerra mondiale, e non cambierà nemmeno a causa di un virus. La gente ha detto molte volte che il mondo non sarà più lo stesso dopo … questo potrebbe essere vero, ma il mio punto di vista è, perché non pensare che il mondo sarà migliore dopo questo virus? Perché non pensare che saremo più intelligenti, o finalmente capiremo quanto siamo fragili, quanto non siamo protetti nei confronti della natura? Quindi, ci sono sempre lezioni da imparare”.