lunedì, Dicembre 6, 2021
HomeNotizie di CronacaHa assaltato la Cgil, ora rischia la vita in carcere a Napoli:...

Ha assaltato la Cgil, ora rischia la vita in carcere a Napoli: «Coinvolto nella morte di Ciro Esposito»

Circolano informazioni inquietanti che potrebbero dare un orrendo seguito ai fatti di sabato scorso. Secondo quanto si apprende da Radiocarcere, Giuliano Castellino, uno dei militanti di Forza Nuova arrestati per i recenti scontri di Roma è detenuto nella casa circondariale di Poggioreale ed è in serio pericolo di vita.

Castellino in pericolo di vita

L’uomo rischia grosso a causa di una vecchia amicizia che lo lega a Daniele De Santis. Parliamo dell’ultrà della Roma che nel 2014 ha brutalmente ucciso il tifoso del Napoli Ciro Esposito poco prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli.

Nei fatti che hanno poi portato al tragico epilogo, potrebbe essere coinvolto anche lo stesso Castellino, anche se – a giudicare dal carteggio dei tribunali e dalle ricostruzioni giornalistiche dell’epoca – sono tante le persone citate e al momento è impossibile avere certezze. Castellino, anch’egli ultrà del club capitolino nonché sorvegliato speciale con obbligo di residenza a Roma, ha preso parte all’assalto alla CGIL. C’è anche la sua firma, tra le altre, su quello scempio.

L’avvocato Taormina lancia l’allarme

Secondo i bene informati, l’incolumità di Castellino è in serio pericolo proprio in virtù della simpatie (non solo politiche) che legano il personaggio a Gastone, vale a dire il poc’anzi citato De Santis (così com’è conosciuto negli ambienti dell’estrema destra romana), il killer del povero Esposito. Carlo Taormina avvocato di Castellino – ma anche legale del leader di FN, Fiore – ha fatto già sapere bisognerà provvedere con urgenza per evitare che la situazione possa degenerare.

Leggi anche...

- Advertisement -