I boss dell'Alleanza di Secondigliano e cognati, Edoardo Contini e Patrizio Bosti. Non sono stati coinvolti nell'inchiesta che ha portato a oltre 60 condanne

Il cartello, tre spose per tre ras

Carcere duro per Rita Aieta, consorte di Patrizio Bosti, e considerata ai vertici dell’Alleanza di Secondigliano. Lo ha deciso il ministero della Giustizia accogliendo la richiesta della Dda di Napoli. Aieta è cognata dei boss Edoardo Contini e Francesco Mallardo, questi ultimi, infatti hanno sposato due sorelle della 60enne. Il cartello dell’Alleanza è tra i più temibili e organizzati a Napoli e nella provincia a nord del capoluogo partenopeo. La notizia relativa al 41 bis disposto per Rita Aieta è stata riportata dal quotidiano Il Roma, la donna avrà diritto a una sola telefonata e a un solo colloquio al mese. Entra a far parte di un cerchio strettissimo, poche infatti, le donne sottoposte a tale misura in Italia.

Riproduzione Riservata

Comments are closed.