Di certo non si può propriamente dire che se la sia cavata bene, considerata la perforazione della pleura, la rottura di tre costole e la lesione di altre due, ma, per come si è sviluppato l’incidente, non è di poco conto il fatto che un giorno potrà anche raccontare com’è andata. Per i medici, infatti, nonostante i tempi lunghi per un completo recupero, a causa delle gravi ferite riportate, il 58enne carabiniere di Pozzuoli non è in pericolo di vita.

ad

 

I fatti si sono verificati ieri nelle acque antistanti l’isolotto di San Martino, dove il militare stava controllando l’ancora della barca sulla quale era a bordo con la moglie e due amici, quando è stato investito da un gommone.

Il carabiniere è stato subito soccorso e portato a terra a Torregaveta. Poi è scattato il ricovero presso l’ospedale Santa Maria delle Grazie di La Schiana.