TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Primo stabilimento plastic free dell’isola di Capri: e’ il lido-ristorante “Da Gemma&Le Ondine Beach Club” che ha deciso di dire basta all’uso della plastica. A darne notizia, alla vigilia della riapertura, e’ la titolare Gemma Rocchi nipote della mitica Gemma, ristoratrice che ha segnato la storia dell’isola, amica dello scrittore Graham Greene che accoglieva nel suo ristorante, al pari della regina Soraya ai tempi dell’esilio. “Utilizzeremo materiale biodegradabile e compostabile per tutte le richieste da asporto – spiega la giovane titolare – quindi le coppette gelato, i cucchiaini, i bicchieri per le bibite e l’acqua, i bicchierini da caffe’, piatti e cannucce. Saremo sempre piu’ attenti al rispetto ambientale, a partire dalla raccolta differenziata, che sara’ incrementata con segnali ancora piu’ chiari per i nostri ospiti. Ci teniamo che il nostro pubblico sia in sintonia con le nostre scelte eco-friendly, ne comprenda l’importanza e ne condivida i principi”.

ad

 

Soddisfazione e’ stata espressa da Nabil Pulita dirigente regionale di Legambiente: “Il primo stabilimento plastic free deve fungere da sprono ad adottare soluzioni senza plastica. Esistono tante alternative alla plastica usa e getta come i contenitori di carta, materiali compostabili e biodegradabili, e’ ora che tutti inizino ad utilizzarli. Puo’ sembrare assurdo, ma la stragrande maggioranza dell’inquinamento a mare e’ dovuta alle cannucce di plastica, considerate dei veri e propri killer per i nostri mari”.

Il Parco nazionale del Vesuvio diventa “plastic free”

“Prossimamente il Consiglio direttivo dell’ente parco approvera’ la delibera per il plastic free”. Lo ha annunciato Agostino Casillo, presidente dell’Ente Parco nazionale del Vesuvio, durante un Ecoforum con i 13 Comuni del vesuviano promosso da Legambiente. “Ogni livello istituzionale ha dei compiti precisi ma senza uno stretto coordinamento, anche con il mondo associativo, non riusciremo a dare una svolta decisiva sullo sviluppo sostenibile del nostro territorio. Come Ente Parco – ha ricordato Casillo – abbiamo messo in campo un piano di investimenti importanti su mobilita’ sostenibile, contrasto ai reati ambientali, educazione ambientale e promozione dell’agricoltura locale, ma siamo pronti a collaborare anche su temi dove non abbiamo diretta competenza come quello della riduzione dei rifiuti”.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata