Vicende diverse, ma denominatore comune. I soldi sono pochi e nessuno può permettersi di fare investimenti troppo onerosi. Anche se si tratta del capitano, il simbolo. La bandiera.Ma il futuro è tutto da scrivere

di Stefano Esposito

Strana estate per il calciomercato estivo e soprattutto per i capitani di 10 squadre di Serie A.

ad

La fase è delicatissima per tutti, ma per chi porta la fascia al braccio di più. Giorgio Chiellini, Alessio Romagnoli, Lorenzo Insigne.

Sarà anche una coincidenza, ma il fatto che a meno di un mese dall’inizio del campionato i capitani di Juventus, Milan e Napoli siano tutti e tre alle prese con un futuro incerto legato a grane contrattuali la dice lunga sulla situazione economica che il calcio sta attraversando.

Le vicende sono diverse, ognuna ha la sua specificità, ma il denominatore comune è che i soldi sono pochi e nessuno può permettersi di fare investimenti troppo onerosi. Anche se si tratta del capitano. Il simbolo. La bandiera.

LORENZO INSIGNE (Napoli)

Ancora in standby il rinnovo del capitano azzurro, trattativa che deve entrare nel vivo dopo l’ottimo Europeo. “Se resterà a Napoli? Dipende da lui”, aveva detto De Laurentiis, parole seguite dal commento del nuovo allenatore Luciano Spalletti: “Sono sicuro che quando si incontreranno troveranno un punto da cui ripartire”.

Insigne ha un rapporto molto stretto con squadra e città: pare difficile pensare possa decidere di andarsene

GERMAN PEZZELLA (Fiorentina)

In viola dal 2017 e in scadenza tra un anno, il difensore argentino è reduce dal trionfo in Copa America e resta una pedina chiacchierata sul mercato.

Negli ultimi giorni la sua Instagram story, con la fascia di capitano in bella vista, fa pensare che possa restare a Firenze.

MIGUEL VELOSO (Hellas Verona)

L’ultimo prolungamento risale lo scorso mese, rinnovo di un anno che ha spostato a giugno 2022 la sua scadenza con l’Hellas. Ecco quindi che il leader gialloblù vivrà la sua terza stagione a Verona

SAMIR HANDANOVIC (Inter)

Contratto in scadenza tra un anno per il portiere sloveno, lui che aveva rinnovato a settembre 2020. Handanovic inizierà il suo decimo anno all’Inter. Attualmente un nuovo prolungamento non è stato ancora affrontato per il capitano 37enne: il discorso andrà approfondito nel corso della prossima stagione

GIORGIO CHIELLINI (Juventus)

Definito il rinnovo del capitano bianconero e della Nazionale campione d’Europa, lui che formalmente è svincolato dallo scorso 1 luglio. Atteso l’accordo ufficiale per proseguire insieme l’avventura in bianconero iniziata nel 2005

ALESSIO ROMAGNOLI (Milan)

Contatti ancora da avviare tra il club e il difensore classe 1995, reduce da una stagione complicata. Si è rivisto con la fascia dopo l’amichevole col Modena e, dopo le tante voci riguardo alla partenza da Milanello, ha spiegato: “Lavoro, lavoro e mi sento bene, quindi lavoro con la testa giusta. Lavoriamo tutti insieme e vogliamo migliorarci ancora”

LORENZO PELLEGRINI (Roma)

L’intenzione è quella di proseguire insieme con la Roma: lui vuole restare in squadra, il club vuole puntare su di lui che rappresenta il futuro. Il discorso è già stato affrontato tra il suo procuratore Giampiero Pocetta e Tiago Pinto: l’incontro è stato positivo, non si è parlato di cifre ma sono attesi nuovi aggiornamenti tra le parti

FABIO QUAGLIARELLA (Sampdoria)

Prolungamento recente per il capitano blucerchiato che, a giugno, ha esteso il suo contratto fino a giugno 2022. Classe 1983 e prossimo ai 39 anni, la situazione di Quagliarella andrà analizzata nel corso della prossima stagione: sicuramente l’età è un fattore, ma il valore non si discute.

FRANCESCO MAGNANELLI (Sassuolo)

Un campione di “fedeltà” in Serie A, lui che risulta il giocatore legato da più tempo allo stesso club. Sono 16 gli anni in neroverde per il centrocampista 36enne, bandiera che ha vissuto la parabola migliore del Sassuolo dalla Serie C all’Europa.

ANDREA BELOTTI (Torino)

Altro capitano in Serie A reduce dal trionfo a Wembley, traguardo memorabile che anticipa il discorso sul futuro. “Se rinnova? Vediamo. Voglio tenerlo? Come no, ma vediamo”, ha risposto Urbano Cairo pochi giorni fa in merito alla permanenza del capitano granata.

Riproduzione Riservata