Un canapa store (fonte: Internet)

I negozi di canapa light restano al centro della discussione. Il gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha ordinato il dissequestro del negozio «Green Planet Grow Shop» di Caserta, che vende cannabis light e prodotti per la coltivazione della canapa.

L’attività era stata
sequestrata
il 31 maggio
scorso
dai carabinieri
insieme ad altri
tre negozi simili

Il 27enne Virgilio Gesmundo, titolare e gestore del «Green Planet» che si trova in Via Gemito, pieno centro di Caserta, qualche giorno dopo il sequestro, si era incatenato per protesta davanti al suo negozio, chiedendo che venisse riaperto «perché non vendo solo infiorescenze, ma anche concimi, e altri prodotti per l’agricoltura».

Il gip ha accolto l’istanza dei suoi legali, Lorenzo Simonetti e Claudio Miglio, ma Gesmundo per ora non potrà vendere la cannabis light; dovrà attendere che arrivino gli esiti degli esami sui 16 grammi che gli sono stati sequestrati, e che per il 27enne, contengono un livello di thc inferiore alla soglia definita «drogante» dalla legge.