Arresto bis per un 28enne, considerato contiguo alla cosca degli Amato-Pagano. Questa mattina i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale del Riesame di Napoli, a seguito dell’appello proposto dai pubblici ministeri Vincenza  Marra e Maurizio De Marco, della locale Direzione distrettuale antimafia. L’ordinanza riguarda Claudio Cristiano detto Bisio, 28enne di Melito, già detenuto nel carcere di Poggioreale, indagato per associazione per delinquere di tipo mafioso: è ritenuto affiliato al clan degli Amato-Pagano.

ad

Le indagini, condotte dai carabinieri di Castello di Cisterna e coordinate dalla dottoressa della Dda Vincenza Marra, hanno delineato le attività illecite commesse dall’arrestato per conto del clan.

AIUTACI CON UN LIKE A MANTENERE
L’INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE

Cristiano, secondo l’accusa, gestiva e riscuoteva il pizzo nelle piazze di spaccio dei complessi di edilizia popolare di Melito e Mugnano – presso cui era possibile reperire ogni tipo di sostanza stupefacente a tutte le ore del giorno e della notte -.

Leggi anche / Invisibile e spietato, il boss da 1 miliardo di lire al giorno

Inoltre, secondo gli inquirenti, il 28enne curava la contabilità del clan, si occupava del sostegno economico degli affiliati attraverso il pagamento delle cosiddette mesate (stipendi, ndr).