“Il tridente con Belotti e Insigne? Ci siamo trovati abbastanza bene. Gli interpreti però possono cambiare, l’importante è giocare come chiede il mister”. Così Simone Verdi ha commentato dopo il pareggio nell’amichevole tra Italia ed Olanda. “Nel primo tempo abbiamo fatto bene, abbiamo avuto tante palle gol che non siamo riusciti a sfruttare”, ha spiegato il giocatore del Bologna ai microfoni di Raisport. “Nel secondo tempo complice la stanchezza e ci siamo abbassati. Abbiamo trovato il vantaggio con Zaza, poi peccato per il pareggio a pochi minuti dalla fine: spiace perché potevamo portare a casa una grande vittoria”.

Una battuta su Insigne, prossimo suo compagno di squadra al Napoli: “Lo conosco da tempo. E’ un grande giocatore, lo ha dimostrato negli anni a Napoli e sono contento abbia avuto la fascia di capitano proprio nel giorno del suo compleanno, è un gran bel segnale”. Poi, sul suo prossimo passaggio al Napoli: “Cosa è cambiato? Sono sempre stato coerente con la mia scelta di gennaio, ho detto che volevo finire la stagione al Bologna, era un dovere per me. Non era un no al Napoli. E dimostra che ho detto sì in questa sessione di mercato. Il no era per Sarri? No, l’ho avuto ad Empoli. Ancelotti? Con lui ho avuto una chiacchierata informale”, ha concluso.