Nelle foto il boss Salvatore Petriccione e il ras Vincenzo Grimaldi

I due ras della Vanella Grassi rispondono «solo» di traffico di sostanze stupefacenti con l’aggravante camorristica  

La decisione dei giudici del Riesame ridimensiona, nei fatti, le accuse nei confronti di alcuni ras della Vanella Grassi, coinvolti, nei giorni scorsi in una vasta operazione di polizia giudiziaria, scattata nell’area Nord di Napoli. Per Salvatore Petriccione e per Vincenzo Grimaldi (considerati ai vertici della cosca di Secondigliano), come per altri componenti del gruppo, cade dunque l’accusa di associazione mafiosa (416 bis) e resta in piedi quella di traffico di droga con l’aggravante camorristica (articolo 7 legge Falcone). La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Roma

Riproduzione Riservata