sabato, Agosto 13, 2022
HomeEconomiaBorsa e investimenti: ecco gli asset finanziari da tenere d'occhio nei prossimi...

Borsa e investimenti: ecco gli asset finanziari da tenere d’occhio nei prossimi mesi

Sempre più persone anche in Italia sono attive nella ricerca di buoni asset d’investimento, i quali possono svolgere un ruolo di grande importanza all’interno della cosiddetta «finanza personale», ovvero delle operazioni di trading condotte in completa autonomia. I dati del settore mostrano infatti in modo chiaro e inequivocabile che il numero degli investitori è cresciuto in modo evidente negli ultimi anni e questo ha portato anche un maggior interessamento in un’attività essenziale per il settore, la ricerca di buoni asset su cui investire.

Questo incremento significativo è dovuto principalmente ad un notevole coinvolgimento di un numero sempre crescente di piccoli risparmiatori, i quali in passato non avevano accesso ad alcune tipologie d’investimento. Oggi invece è possibile operare in borsa anche con dei piccoli importi e persino effettuare dei test con cifre irrisorie. La ricerca degli asset su cui investire non è sempre facile, in quanto occorre valutare diversi aspetti significativi e in ogni caso nessuno può mai conoscere con esattezza la direzione in cui si muoverà un titolo quotato in borsa (fonte: come investire in borsa spiegato da TradingOnline.net)

Scegliere gli asset su cui investire

Per chi muove i primi passi nelle operazioni in borsa è fondamentale individuare un buon punto di riferimento informativo, come appunto il sito Tradingonline.net che rappresenta un ottimo aiuto per capire in quale direzione orientare i propri investimenti. Prima di scegliere l’asset su cui puntare, è bene valutare con attenzione alcuni fattori come, ad esempio:

  • Orizzonte temporale.
  • Budget a disposizione.
  • Strategia adottata.
  • Notizie del momento.
  • Valutazione dell’analisi tecnica.
  • Contesto macroeconomico.

L’orizzonte temporale, ovvero il tempo che un investitore è disposto ad attendere nella speranza che la sua operazione produca dei frutti, è molto importante e influenza la scelta degli asset. Alcuni titoli hanno infatti una maggiore volatilità e di conseguenza un grado di rischio maggiore e per questo vengono scelti in misura maggiore da chi investe nel breve termine, forse utilizzando anche un budget più contenuto.

Per la scelta degli asset è poi sempre importante prendere in considerazione il contesto macroeconomico del momento, in quanto potrebbe permettere di ipotizzare come si muoveranno i titoli in futuro. Ovviamente questa non è mai una valutazione facile e priva di rischi. Di conseguenza deve sempre essere condotta con cautela e la strategia d’investimento, a prescindere da quale essa sia, dovrebbe prevedere l’utilizzo di strumenti di tutela, come ad esempio lo “stop loss”, e un atteggiamento cauto.

Asset da tenere sotto osservazione

Tra gli asset da tenere sotto stretta osservazione in questo periodo vi sono sicuramente quelli appartenenti al settore della green economy, in quanto sono chiamati ad offrire delle soluzioni “ecocompatibili” all’attuale crisi energetica. Sono da menzionare in tal senso gruppi come NextEra, First Solar (pannelli solari), Vestas (eolico) e NRG Energy. Un altro comparto molto interessante e spesso scelto dagli azionisti in questo periodo è quello relativo al settore tecnologico, in quanto diversi titoli del settore hanno delle notevoli prospettive di crescita, secondo molti analisti.

Tra questi sono sicuramente da tenere sotto la lente d’ingrandimento gruppi come: Intel, Cloudflare, Google (Alphabet), Apple e anche società facenti riferimento a nuovi ambiti tech emergenti, come Zoom e Asana. Infine non è possibile non continuare a tenere sotto stretta osservazione il settore medicale, soprattutto quello in cui è prevista l’applicazione della tecnologia digitale, come ad esempio nel caso della microchirurgia tech e nel cosiddetto healtcare. Ne sono un esempio Johnson & Johnson, Pfizer, Abbott Laboratories, Novo Nordisk e Novartis.Ovviamente è sempre importante ricordare che scegliere un settore potenzialmente in crescita può rappresentare una mossa oculata ma questo non rappresenta mai di per sé una garanzia di successo. Occorre tenere sempre presenti i rischi e assumere degli atteggiamenti responsabili, ad esempio operando una buona diversificazione, in modo tale da contenere i rischi. Infine non è poi da sottovalutare il fatto che ogni titolo produce buoni risultati solo se acquistato e venduto nel momento corretto e a tal riguardo può sicuramente essere utile l’utilizzo dell’analisi tecnica e della lettura dei trend che spesso rivelano quali titoli si trovano in territori di «ipercomprato» o «ipervenduto».

Leggi anche...

- Advertisement -