Boom delle richieste di conti correnti online: come scegliere

L’emergenza sanitaria Covid-19 ha modificato sensibilmente i bisogni delle persone, avvicinando all’utilizzo della tecnologia anche i più anziani ed in generale coloro che avevano sempre manifestato poco interesse.

Ad esempio, le restrizioni adottate soprattutto nel periodo febbraio-maggio scorso non solo hanno imposto di usare i social network per comunicare con l’esterno, ma hanno acutizzato la necessità di avere un conto corrente online per la gestione dei propri risparmi, essendo precluso il libero accesso presso le filiali delle banche.

Non a caso durante il periodo post lockdown si è registrato un repentino aumento delle aperture dei suddetti prodotti finanziari, i quali si differenziano dai tradizionali in quanto si palesano più pratici, rapidi e sicuri e consentono al titolare di accedere al proprio account e di disporre qualsiasi tipo di operazione abilitata in ogni momento della giornata e ovunque ci si trovi.

ad

A ciò si aggiunga che ad oggi la scelta del conto più aderente alle proprie necessità e disponibilità economiche è decisamente più semplificata rispetto al passato grazie all’eterogeneità dell’offerta finanziaria attuale.

Proprio allo scopo di selezionare la migliore offerta per ciascun cliente, sono disponibili sul web degli appositi “comparatori” che garantiscono un servizio di confronto efficiente e senza costi, capace di orientare le preferenze degli utilizzatori.

Secondo una recente indagine statistica il 51,34% dei soggetti che sfruttano questo sistema, poi decidono di aprire un nuovo conto corrente direttamente dal sito online della banca prescelta in relazione all’esito della comparazione.

Analizzando più nel dettaglio i dati raccolti su tutto il territorio italiano, emerge che le città ove i comparatori hanno un maggior successo e sono più utilizzati sono Bologna, Napoli e Milano che registrano rispettivamente un +76,33, +65,57 e +64,75 rispetto allo scorso anno. Vi sono altresì zone ove invece la diffusione è maggiormente limitata, come Firenze, che registra un aumento contenuto (+8,20%).

In netta controtendenza si posiziona Palermo, in cui si prende atto di un calo dell’utilizzo pari all’8,20%.

Ponendo invece l’attenzione sull’età dei richiedenti, è emerso un incremento del 52% delle richieste di comparazione provenienti dai giovani under 25; la percentuale è ancora più alta per quelli sino a 34 anni, per i quali si registra un +74%.

Il dato è tuttavia negativo per quanto concerne gli italiani dai 45 anni in sù ed in particolare per gli over 65 si attesta addirittura sul -36% ad ulteriore riprova della maggiore propensione verso un rapporto fiduciario di tipo “fisico” con le banche, specialmente in un periodo di crisi economica generalizzata.

Ciò posto, tra i conti correnti online a zero spese più diffusi, vi è quello recentemente lanciato sul mercato dalla banca italiana digitale Illimity Bank, completamente gestibile tramite pc, smartphone e tablet, che consente al titolare l’accredito dello stipendio ed il pagamento delle utenze domestiche (per ulteriore approfondimenti su costi e operatività del conto corrente Illimity Bank:http://www.migliorcontocorrente.org/illimity-bank.htm).