Riprendono anche a Napoli le attività di BNI (Business Network International), l’organizzazione mondiale di marketing referenziale fondata da Ivan Misner nel 1985. Oggi si trova in 72 paesi del mondo e sviluppa un fatturato di oltre 12 milioni di dollari tra i membri. In Italia, BNI è presente da 16 anni, grazie al fondatore Paolo Mariola e vanta 9200 membri e circa 300 capitoli costituiti, molto attivi nel Nord Italia, al Centro e da qualche anno anche al Sud Italia. I capitoli sono incontri tra imprenditori e professionisti che si scambiano le referenze in maniera strategica.

 

BNI arriva anche a Napoli grazie a Francesco Cacciapuoti, membro di un capitolo milanese, che porta la sua esperienza nella qualità di region, con l’area geografica di Napoli Nord. Il 27 febbraio 2019 lancia il capitolo Neapolis. Ad oggi i capitoli in costituzione nel capoluogo campano sono il Core Group Angioino, sempre nell’area Napoli Nord e il Core Group Virgiliano. Cacciapuoti è coadiuvato dalle director Antonella Giglio, con cui condivide anche l’esperienza di Confapi, sono entrambi vicepresidenti della territoriale di Napoli, e dalle dottoresse Giusy Pezzella e Rosaria Marrone, altre due assistant director che collaborano con l’ente di formazione.

Il capitolo Angioino si riunisce il martedì al Circolo Canottieri, stesso luogo dove, di mercoledì, è la volta del Neapolis. Mentre il giovedì, presso ‘La Terra degli aranci’ al Vomero, si riunisce il Virgiliano. Gli incontri si tengono dalle 7.15 alle 9.00 secondo il format BNI. Nei giorni centrali della settimana, quindi, la città vive questo momento di aggregazione e scambio di referenze (il “referal marketing”).

Nei prossimi mesi sarà effettuato il lancio dei Capitoli Angioino e Virgiliano. Mentre sono già in costituzione i nuovi Core Group, per le professioni doppione, in quanto in ogni capitolo è prevista una sola referenza per ogni categoria professionale ed ogni attività imprenditoriale, per evitare la concorrenza. Questo è uno dei vantaggi delle attività dei capitoli BNI.