«Secondo alcune leggende, il mare è la dimora di tutto ciò che abbiamo perduto». In questa frase di Osho si può racchiudere il rapporto che ogni essere umano ha, o meglio, dovrebbe avere con il le distese di acqua blu. Il rispetto, ma soprattutto, la cura che dovrebbe averne. Purtroppo, però, non è sempre così.

Quante volte può essere capitato di ritrovarsi a osservare quelle acque per poi far sì che il nostro sguardo venisse attirato da un bicchiere di plastica che galleggiava lì, trasportato dalla corrente? Magari caduto, o lasciato cadere, da una barca. Prende il via da ciò, anzi, dalla volontà di evitare tutto ciò, il percorso intrapreso dall’azienda «AG Component Yachting» e dell’intuizione imprenditoriale di Ida Giglio. Che, partendo dalle sue esperienze nel mondo del wellness e del benessere olistico, ha deciso di applicare questa visione della natura e del rapporto dell’uomo con essa alla storica mission di famiglia, ovvero la nautica.

ad
Ida Giglio, ideatrice della linea WeBio Nautic

Come? Allargandone gli orizzonti a settori più vicini alla sua sensibilità. Quindi creando un proprio ramo di attività e proponendo prodotti che da un lato corrispondano alle esigenze dei clienti e dall’altro garantiscano un impatto zero a livello ambientale.

Nasce così la linea di prodotti marecompatibili «WeBioNautic», distributore esclusivo per l’Italia di «WeBio», marchio amico dell’ambiente che produce materiale per alimenti e che ha come principio di base il rispetto della natura: stoviglie con materiali a bassissimo impatto ambientale e con una particolare attenzione verso l’ambiente circostante. Il tutto nel rispetto delle normative nazionali, ma soprattutto anticipando quelle recentissime europee.

I piatti (tondi, in polpa di cellulosa, fondi e piani o quadrati), i bicchieri (in tre misure, più quelli da caffè, in cartoncino), i tovaglioli (in pura cellulosa) e le posate (in legno) sono realizzati in materiali riciclabili biodegradabili e compostabili, ma al contempo sono resistenti, pratici e si smaltiscono con rifiuti umidi. Dove impiegano solo 21 giorni per degradarsi e non inquinare. Se anche uno di loro cadesse in mare, non andrebbe a inquinare. «WeBioNautic» è distribuito in tutt’Italia da «AG Component Yachting» (per info: agyacht@gmail.com).