Il 60enne professionista è stato denunciato per epidemia colposa, mentre sono stati sequestrati i due studi in cui ha continuato a esercitare l’attività nonostante la malattia.

Avrebbe avvertito da tempo i sintomi tipici della positività da Covid-19, continuando, però, a esercitare la sua attività di medico di base in due studi del Beneventano, a Telese Terme e Paupisi. Per questo motivo, R.E.M., professionista di 60 anni, è stato denunciato per epidemia colposa dalla Procura del capoluogo sannita, mentre sono finiti sotto sequestro le due strutture in cui ha portato avanti il suo lavoro. A riportare la notizia sono “Il Mattino” e alcuni quotidiani beneventani.

Dopo le prime indagini svolte dai carabinieri, la procura di Benevento ha disposto che il medico si sottoponesse a un test sierologico urgente che ha confermato la probabile positività al covid dell’uomo, che si trova adesso in quarantena nella sua abitazione. In attesa del pronunciamento del gip sul sequestro cautelativo, la Asl sannita ha invitato i pazienti che lo abbiano incontrato negli ultimi giorni a sottoporsi a tampone.

ad
Riproduzione Riservata