domenica, Gennaio 29, 2023
HomeEconomia TurismoBcc Napoli in campo a sostegno di San Gregorio Armeno: prestiti agevolati...

Bcc Napoli in campo a sostegno di San Gregorio Armeno: prestiti agevolati per gli artigiani

L’accordo con la Banca di credito cooperativo del presidente Amedeo Manzo prevede un importante sostegno economico per i bottegai nel difficile momento post pandemia.

E’ stato presentato ieri, mercoledì 30 giugno, in una conferenza stampa tenutasi presso la chiesa di San Biagio Maggiore a San Biagio dei Librai, l’accordo tra la Bcc Napoli e gli artigiani di San Gregorio Armeno, promosso dalla Chiesa di Napoli, che prevede un importante sostegno economico nel difficile momento post pandemia, con finanziamenti agevolati a favore degli associati dell’importante distretto artigianale al centro della città.

Sono intervenuti il Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Napoli Amedeo Manzo, il Presidente dell’Associazione Architetto Gabriele Casillo, Don Francesco Cirino in rappresentanza dell’Arcivescovo Metropolita di Napoli Battaglia, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Gen. Giuseppe La Gala ed altre autorità civili, militari e religiose oltre tutti gli artigiani che compongono l’associazione e che rappresentano l’arte dei presepi a Napoli e nel mondo.

In virtù dell’accordo, gli artigiani delle botteghe di San Gregorio Armeno potranno accedere a prestiti da 1.000 a 30mila euro per massimo 10 anni senza presentare alcuna garanzia ipotecaria. “Napoli ha bisogno di una banca di comunità, che sia vicina alle persone e le sostenga nei momenti di difficoltà. Ecco perché la sollecitazione che ci viene dalla Chiesa di Napoli è stata subito raccolta”. Così il presidente dell’istituto Amedeo Manzo, che ha definito l’accordo “una misura che consentirà di vivere e traghettarsi fino a un momento di maggiore positività, con il ritorno dei turisti”.

“Per il momento – ha affermato il Presidente dell’Associazione Gabriele Casillo – stanno arrivando solo turisti cosiddetti ‘mordi e fuggi’, che non generano una grande vendita. Il vero turista è colui che si stanza in città per periodi più o meno lunghi. E noi attendiamo soprattutto loro”.

Per la Curia di Napoli ha partecipato don Francesco Cirino che ha sottolineato come “la chiesa ascolta e naturalmente fa tutto quello che può fare per aiutare coloro che sono impegnati in un lavoro onesto”.

Articoli Correlati

- Advertisement -