Brutta sorpresa per i responsabili di una casa famiglia del Casertano: sono stati truffati da un venditore

Dopo l’acquisto on line di una piscina da destinare agli ospiti di Villa Laura, sono spariti soldi e venditore  

Brutta sorpresa ed estate triste per i bimbi di una casa famiglia del Casertano: la raccolta fondi per l’acquisto di una piscina da destinare a Villa Laura, una struttura di Castel Volturno, promossa dalla volontaria Ada Palma, si è scontrata con un truffa in piena regola. Proprio così, la responsabile della casa famiglia, entusiasta per la donazione, si è collegata on-line a un noto sito di e-commerce, ha scelto la piscina, corrisposto, con un bonifico, 715 euro ma del venditore e della piscina «fuori terra» per i ‘suoi’ bimbi non ha avuto più notizie. «Ci hanno truffato e hanno truffato i bimbi di una casa famiglia a cui, con l’aiuto di donatori con un gran cuore, finalmente avrei potuto regalare la piscina dei nostri sogni», scrive in un amaro post, Anna Scandurra, responsabile della casa famiglia. A questo punto alla responsabile della casa famiglia non è restato altro che adire le vie legali: si è rivolta all’avvocato Gennaro Demetrio Paipais che stamattina ha depositato una querela presso la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.