L'area interessata dagli interventi di riqualificazione e bonifica a Bagnoli

“Le procedure per la bonifica e il risanamento dell’area di Bagnoli, contenute nel cosiddetto decreto ‘sblocca Italia’ sono costituzionalmente legittime. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale con la sentenza depositata il 13 giugno 2018. In particolare, nelle motivazioni si legge che ‘l’intervento del legislatore statale, in quanto teso al risanamento e alla bonifica di un sito d’interesse nazionale, puo’ essere certamente ricondotto alla potesta’ legislativa esclusiva dello Stato'”. Lo sottolinea in una nota Invitalia, ricordando che “la sentenza conferma la piena legittimita’ dell’operato del Commissario e del soggetto attuatore, Invitalia, l’Agenzia per lo sviluppo del Paese, che hanno comunque coinvolto Regione e Comune, attraverso l’accordo Interistituzionale, sul piano urbanistico e infrastrutturale dell’ex area Ilva”.