Raid in via Ravello, bloccati e denunciati sei giovanissimi: due di loro sono addirittura minorenni. Caccia ai complici che sono riusciti a dileguarsi

di Luigi Nicolosi

Notte decisamente movimentata, nonostante il coprifuoco, nel cuore della periferia orientale di Napoli. Una gang di ragazzini, alcuni dei quali minorenni, ha lanciato diverse pietre contro una pattuglia dei carabinieri in quel momento impegnata nel controllo del territorio. I militari dell’Arma hanno rapidamente individuato e fermato i giovani delinquenti, denunciandoli all’autorità giudiziaria. Il raid è avvenuto in via Ravello, zona ritenuta dagli investigatori sotto il controllo del clan Rinaldi.

ad

I carabinieri, passando per via Ravello, hanno notato un gruppo di ragazzi; vedendo la gazzella dell’Arma i ragazzi sono fuggiti, non prima però di aver lanciato diversi sassi contro l’auto, danneggiandola e scheggiando il parabrezza anteriore. I carabinieri, che non hanno per fortuna riportato conseguenze fisiche, sono comunque riusciti a raggiungerne e bloccarne sei. Quattro di loro maggiorenni, gli altri due hanno invece 15 e 17 anni. I giovani teppisti sono risultati tutti incensurati, a eccezione di uno che aveva già una segnalazione per guida senza patente. I sei sono stati denunciati per danneggiamento di proprietà dello Stato e resistenza a pubblico ufficiale e sono stati anche multati per violazione delle norme anti-covid. 

Riproduzione Riservata