Sotto la lente degli inquirenti i piani di manutenzione delle società concessionarie

Sono sei le Procure che indagano, sei le Procure al lavoro sui piani di manutenzione delle società concessionarie Strada dei Parchi, Autostrade per l’Italia e Tangenziale di Napoli. E’ quanto si legge in una nota del dirigente del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Placido Migliorino, che secondo l’agenzia Ansa, è stata inviata lo scorso 12 febbraio ad Augusto De Sanctis, attivista abruzzese, nell’ambito di un contenzioso su un accesso agli atti. Nella missiva, il dirigente ministeriale, per quanto riguarda i piani di manutenzioni per gli anni 2015-2020 parla di «inadempienze» e di «procedimenti sanzionatori». L’accesso agli atti in questione riguardava lo stato dei viadotti e delle gallerie. L’attivista abruzzese, il prossimo 20 luglio si confronterà davanti al Tar Lazio con il Mit e i concessionari Aspi, Strada dei Parchi, Tangenziale di Napoli, Società Autostrade Meridionali. Il ricorso chiede l’annullamento del diniego opposto dal ministero all’ostensione degli atti richiesti in base al decreto legge 33/2013 sulla trasparenza, il cosiddetto Foia italiano.