Il porto di Napoli

Il procedimento, i rischi

Il pericolo c’è e fa scrivere ai sindacati della Triplice: «Si rischia di innescare un meccanismo deleterio nel nostro sistema portuale». Ad affermarlo unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti sul procedimento, che profila una violazione del diritto comunitario per aiuti di Stato, promosso dalla Commissione europea sulla abolizione dell’esenzione dell’imposta sul reddito delle società che operano nei porti italiani. «Rispetto alla decisione adottata dalla Commissione l’8 gennaio 2019, che l’Italia non ha accettato respingendo gli addebiti nel marzo successivo, occorre – spiegano le tre organizzazioni sindacali – rendere consapevole la Commissione che l’esenzione dell’imposta non ha alcuna attinenza con una pratica distorsiva della concorrenza interna, comunitaria ma, al contrario, rivolta allo sviluppo della competitività del sistema Paese». Le Adsp, continuano i sindacati, non hanno partita Iva e sono enti terzi rispetto alle attività che agiscono al porto.

Riproduzione Riservata