TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Il caffe’ e il suo legame speciale con la citta’ di Napoli sono i protagonisti del progetto di riqualificazione urbana promosso da Lavazza con il patrocinio del Comune di Napoli. Il primo risultato di questa partnership e’ stata la realizzazione del murale ‘Il profumo della mia citta” su una facciata del Centro Polifunzionale di Soccavo, nella periferia occidentale, che nell’estate 2019 sara’ tra gli impianti protagonisti delle Universiadi. ”Celebrando lo storico legame tra Napoli e il caffe’ – ha detto Maurizio Cozzolino, Italy Country Manager di Lavazza – vogliamo rinnovare il nostro impegno verso la capitale partenopea attraverso un importante progetto di riqualificazione cittadina con lo scopo di valorizzare le unicita’ locali, le energie dei giovani talenti e il ruolo sociale e culturale che ha l’espresso”.

L’opera e’ stata realizzata dallo street artist Umberto ‘Koso’ Lodigiani e rappresenta una tazzina di caffe’ il cui aroma materializza la citta’ con i suoi simboli: il sole, il Vesuvio a cui si aggiunge una maschera di Pulcinella, espressione del folclore e della tradizione partenopea. ”L’idea – ha spiegato il writer – nasce dalla vita quotidiana del mio palazzo in cui la prima cosa che si sente e’ il profumo del caffe’ che inonda le scale. Cosi’ ho scelto di giocare e di invertire i ruoli facendo si’ che non sia la citta’ che profuma di caffe’ ma e’ li caffe’ che profuma di citta”’.

 

L’opera di Soccavo e’ solo l’inizio. Sono stati resi noti anche i vincitori del contest che ha visto sfidarsi a suon di progetti con protagonisti Napoli e il caffe’, l’Istituto Superiore di Design – International School; l’Accademia di Belle Arti di Napoli e la Scuola internazionale di Comics; l’Accademia delle Arti figurative e digitali. A vincere e’ stata l’opera ‘Hourglass Caffe” di Tonio Altomare dell’Istituto Superiore di Design.

L’installazione, che sara’ posizionata in un’area della X Municipalita’, si ispira alla pausa caffe’ in cui il tempo si sospende e si incarna in un’ideale clessidra che assume la forma di due iconiche tazzine Lavazza posizionate simmetricamente una sull’altra. ”Questa iniziativa ha dimostrato ancora una volta che i giovani di Napoli hanno talento, che sanno fare bene – ha sottolineato l’assessore comunale ai Giovani, Alessandra Clementee quindi loro sono il piu’ grande investimento che possiamo fare con i fatti come con questo progetto stanno facendo Lavazza e Comune di Napoli”.

La giuria, visto l’alto livello dei lavori presentati al contest, ha aggiudicato anche il Premio della critica, assegnato dal filosofo del design Virginio Briatore, all’opera ‘Addore e’ Napule’ di Angela Galati dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. Le opere del contest saranno allestite in una mostra itinerante che attraversera’ la citta’ e saranno esposte anche presso la Nuvola, sede di Lavazza a Torino. L’impegno di Lavazza per Napoli continuera’ per tutto il 2019 grazie alle tante iniziative in programma a Casa Lavazza, aperta nell’autunno 2018 nel cuore del centro storico, dove sono in programma focus su eccellenze locali sia del mondo dello sport che dell’arte, ma anche dello spettacolo e della cultura e ovviamente della cultura gastronomica di cui il caffe’ e la sua ritualita’ fanno parte. Alla presentazione ha partecipato anche il presidente della X Municipalita’, Diego Civitillo.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT