Sara’ di Giancarlo Giannini – attore, regista, sceneggiatore, doppiatore e scrittore – la voce narrante dell’87esima edizione della Festa a mare agli Scogli di Sant’Anna, in programma a Ischia il prossimo 26 luglio. Lo ha annunciato il sindaco, Enzo Ferrandino, nella conferenza stampa di presentazione, svoltasi nella sede dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. Giannini, rilevano i promotori della kermesse, “ha accettato con entusiasmo di partecipare a un evento di richiamo internazionale, che celebra la ultrasecolare devozione di Ischia alla Santa protettrice delle partorienti ammantando la baia di Cartaromana del fascino della sfilata delle barche allegoriche, che si sfidano davanti a migliaia di persone nella notte piu’ attesa dell’anno, richiamando la fantasia con cui, dagli anni Trenta del Novecento, i pescatori isolani addobbavano le loro barche dirette alla chiesetta in pellegrinaggio”.

“Sono veramente orgoglioso di partecipare a questa Festa – ha detto Giannini – tornando su una meravigliosa isola dove spesso quand’ero ragazzino ho trascorso le mie vacanze”. L’evento, organizzato dal Comune di Ischia con la direzione artistica di Pietro Di Meglio, sara’ preceduto dalla Processione via mare delle partorienti verso la Chiesetta di Sant’Anna, in programma alle 19 del 25 luglio.

Nel corso della conferenza, e’ stato presentato il nuovo logo della Festa, realizzato dagli allievi del corso di Design della Comunicazione dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, con cui e’ stata rafforzata la collaborazione intrapresa lo scorso anno. Il nuovo logo racconta attraverso le forme e i colori l’atmosfera festiva che ricopre l’isola di Ischia nei giorni dedicati alla festa di Sant’Anna attraverso alcuni punti chiave: la torre di Sant’Anna, la baia, il mare, le barche. “Siamo lieti – ha detto Giulio Baffi, presidente dell’Accademia – che l’inventiva e la creativita’ dei nostri allievi si misurino con gli spazi bellissimi dell’isola d’Ischia e la storia antica di questa manifestazione”.

 

Confermato il format: le barche allegoriche che sfileranno, contendendosi il primo posto, saranno realizzate da associazioni ed enti del territorio con il tutoraggio degli studenti del corso di scenografia. Il tema di questa edizione e’ l’acqua, attraverso le sue molteplici prospettive, dal mare alle terme, dalla pesca all’emigrazione, dall’archeologia alla biologia. La serata, impreziosita dalle sonorita’ di Carlo Faiello e della sua ensemble, proseguira’ con uno spettacolo piromusicale e con l’atteso incendio simulato del Castello aragonese, spettacolo di rara suggestione.

“Anche quest’anno al Festa sara’ ecosostenibile – ha aggiunto il vice sindaco di Ischia, Luigi Di Vaiacon la pulizia dei fondali all’indomani dell’evento, che sara’ per la prima volta completamente plastic free”. “L’evento principale – ha spiegato il direttore artistico, Pietro Di Meglio – sara’ preceduto da una serie di iniziative, in particolare visite guidate gratuite volte a raccontare al grande pubblico l’eterogenea bellezza della baia che ospita la Festa, che abbraccia il castello e la torre di Sant’Anna, il borgo di Ischia Ponte e il porto sommerso di Aenaria”.