Capri registra il pienone di turisti nel primo maxiponte della stagione, complice anche il bel tempo: la ricettività e l’occupazione dei posti letto negli alberghi e nei bed and breakfast ha raggiunto il 90%. Lo conferma il presidente degli albergatori, Sergio Gargiulo, che, forte della sua esperienza ventennale alla guida di Federalberghi isola di Capri, afferma: “Mai in queste date l’isola aveva registrato il pienone ed il tutto esaurito in ogni struttura ricettiva di Capri e di Anacapri grazie anche al bel tempo e alle temperature quasi estive”.

Uno scorcio dell’isola azzurra

Turisti in gran parte italiani ma si registra anche un 25% di stranieri. Una situazione che porta il sindaco di Capri, Gianni De Martino, a considerare di realizzare anche per l’isola azzurra forme di ‘selezione’ per l’afflusso turistico sul modello di Venezia dove sono stati installati controlli per l’accesso alla città lagunare. “Il problema non sono i tornelli – dice però –. Il problema è trovare un sistema e un’organizzazione d’accoglienza al porto e a Marina Grande capace di poter far gestire bene sul nostro territorio i notevoli flussi turistici in maniera ordinata e adeguata senza creare affollamento”.

“Controlli e tornelli – aggiunge il primo cittadino di Capri – andrebbero quindi messi ai porti di partenza non a quelli d’arrivo, a noi resta il compito di studiare sistemi di accoglienza per far defluire i flussi tenendo però conto delle caratteristiche del nostro territorio”.