Eleonora De Majo

Il mutuo pagato con l’attività di affittacamere

di Giancarlo Tommasone

Facendo una breve indagine di mercato, emerge come il prezzo di un appartamento di 145 metri quadrati nel centro storico di Napoli, nella zona dei Decumani, in cui si trova quello dell’assessore di Insurgencia, Eleonora De Majo, oscilli tra i 195mila e i 230mila euro. La delegata alla Cultura e al Turismo, ha dichiarato a Repubblica di stare pagando un mutuo per diventare proprietaria della casa in cui vive (che misura appunto 145 metri quadrati). E per farvi fronte, da aprile scorso fino a poco prima di essere nominata assessore (è accaduto a metà novembre), ha condotto una attività di affittacamere. Stylo24 ha fatto una ricerca pure su questo versante, e ha interpellato alcune persone iscritte alla piattaforma Airbnb, che ci hanno confermato come da una stanza in fitto, riescano a ricavare al giorno, al massimo 25 euro netti.

B&B, concorrenza
spietata al centro storico

«I prezzi, al centro storico, dove c’è una concorrenza feroce, arrivano anche a scendere fino ai 20 euro a stanza. Nel mese più prolifico, ma è stato davvero un caso eccezionale, sono riuscito a guadagnare, con l’unica camera che posso fittare, poco più di 400 euro», ci confida Gennaro, che ha una casa dalle parti di Via Atri. La concorrenza, dunque è «spietata» e in media per chi svolge quell’attività affittando solo una stanza, si riesce a mettere da parte poche centinaia di euro. Che possono risultare non bastare, nemmeno per far fronte a un mutuo di 400 euro mensili. Ma per il resto, come si fa a vivere? Come si fa a pagare le bollette, il cibo, i vestiti, gli spostamenti, la benzina nell’auto, o quella per far marciare uno scooter?

L’approfondimento / I redditi dei consiglieri comunali

Giusto per fare due conti in tasca all’assessore De Majo, nel 2017, la ex consigliera pasionaria presenta una dichiarazione di 5.000 euro (relativa al reddito percepito nel 2016), fanno poco più di 416 euro al mese. Mentre gli ultimi dati disponibili attestano come nel 2017 (dichiarazione del 2018), da consigliera comunale (unica sua entrata economica) ha guadagnato la media di mille euro netti al mese. Anche in questo caso, è evidente, bisogna fare non pochi sacrifici per pagare un mutuo per una casa così ampia come la sua, e affrontare il resto delle spese.

Leggi anche / Il B&B dell’assessore
tra questione morale e il mutuo garantito

E sarà per questo, che da aprile del 2019 (lo ha detto lei) si è aiutata con l’affitto di una stanza ai turisti, attività, che come abbiamo visto, però, (trattandosi di una sola camera da offrire) porta a un aumento degli introiti solo per qualche centinaio di euro. Per vedere come sia cambiata, nel frattempo, la situazione economica di De Majo, che va detto potrebbe aver acceso il mutuo per l’acquisto della casa anche successivamente al 2016, bisognerà attendere i dati che il Comune pubblicherà, all’inizio del 2020 e che testimoniano quanto l’assessore alla Cultura e al Turismo abbia guadagnato nel 2018. Comunque, come ha tenuto a sottolineare la stessa De Majo, dicendo di aver sospeso le prenotazioni per il fitto della stanza, «il mutuo ora lo pagherò con altre entrate».