I carabinieri della stazione di Qualiano hanno arrestato Saverio Carandente, un 49enne di via Ripuaria già noto alle forze dell’ordine che si è reso responsabile di detenzione illegale di arma da fuoco clandestina e munizioni, ricettazione della stessa, detenzione di stupefacente a fini di spaccio e possesso di un documento contraffatto.

Durante perquisizione effettuata nel suo ristorante in via Ripuaria, dove sono state girate alcune scene della fiction Gomorra, i militari l’hanno sorpreso detenere illegalmente una semiautomatica calibro 7,65 con matricola abrasa, 5.625 cartucce calibro 12 e 33 calibro 9, 38 chilogrammi di hashish suddivisi in 370 panetti da 102 grammi l’uno.

Nel corso dei controlli ha esibito un porto d’armi per uso caccia al quale aveva alterato data di rilascio, verosimilmente per evitare il rinnovo che gli sarebbe stato negato in considerazione delle denunce e di una condanna riportata negli ultimi tempi.

Gli sono state quindi sequestrate le seguenti armi di sua proprietà: una pistola calibro 9 con 5 cartucce e 2 fucili calibro 12, un sovrapposto e un semiautomatico. L’arrestato è stato tradotto nella casa circondariale di Poggioreale.