L’ok è arrivato dalla Giunta Regionale che dovrà attuarlo in collaborazione con Unioncamere Campania

La Giunta Regionale ha approvato il programma di partecipazione alle fiere nazionali e internazionali del Turismo per l’anno 2021, che dovrà attuare in collaborazione con Unioncamere Campania. Le fiere del turismo promuoveranno, nella chiave di lettura nuova imposta dall’emergenza Covid, prodotti e servizi sul mercato interno (turismo di prossimità) ed estero, attraverso il contatto diretto tra gli operatori del turismo in vista di una futura ripresa dei flussi internazionali a seguito delle campagne vaccinali. In questa situazione di grande incertezza, è importante che la “Destinazione Campania” sia ben posizionata nella comunicazione di settore, evidenziando i propri valori attrattivi e distintivi, legati alla cultura, alle tradizioni, alla natura, all’enogastronomia, alla ricettività, alla salute e al benessere.

Nel Tavolo Istituzionale, con la partecipazione dell’Agenzia Campana Turismo, di concerto con le Associazioni di categoria maggiormente rappresentative e il sistema delle Camere di Commercio regionali sono state individuate le fiere più rappresentative a livello locale (Bmt di Napoli e Bmta di Paestum), nazionale e internazionale, da Milano a Rimini, da Berlino a Barcellona, Londra e Cannes, riservando una particolare attenzione al segmento Mice (Meeting, Incentive, Conference and Exhibition), che procura cospicui introiti alla aree urbane specializzate in questo settore.

ad

“Nonostante il periodo di profonda crisi economica e le grandi difficoltà organizzative, la Regione Campania conferma la partecipazione al complesso ambito del sistema fieristico, ripensato in un quadro innovativo di interventi”, spiega l’assessore alla Semplificazione amministrativa e al Turismo, Felice Casucci, “Gli operatori campani, particolarmente danneggiati dall’emergenza pandemica, verranno coinvolti – aggiunge – nei nuovi modelli di governance e parteciperanno con pieno senso di responsabilità alle iniziative da assumere per garantire loro benefici tangibili sulla ripartenza per un turismo esperienziale di alta qualità”.

Riproduzione Riservata