Umberto De Gregorio e Vincenzo De Luca

La commessa se la aggiudica la spagnola Stadler Rail Valencia, sconfessato su tutta la linea l’operato della commissione di gara della società di trasporti regionale guidata da De Gregorio   

di Fabrizio Geremicca

Pochi giorni fa il presidente di Eav, Umberto De Gregorio, si era pubblicamente lamentato dei ritardi della giustizia. Si riferiva alla circostanza che da un anno aspettava la sentenza del Consiglio di Stato sulla vertenza relativa all’appalto per la fornitura di 40 nuovi treni da destinare alla Circumvesuviana che contrapponeva Stadler Rail Valencia – seconda in graduatoria secondo EaV, ma già vincitrice del ricorso al Tar Campania – alla società di trasporti regionale ed a Hitachi Rail.

ad

Vincitrice della gara, quest’ultima, ma spodestata dai giudici amministrativi di primo grado, i quali avevano rilevato una serie di incongruenze nell’attribuzione dei punteggi da parte di EaV. Ebbene, la tanto attesa sentenza ora è arrivata ed ha dato torto su tutta la linea alla società della Regione Campania e ad Hitachi Rail. I giudici amministrativi in appello hanno confermato la decisione dei colleghi di primo grado ed hanno sconfessato l’operato della commissione di gara della società di trasporti regionale la quale il 26 settembre 2019 aveva aggiudicato l’appalto.

Saranno dunque gli spagnoli a costruire i 40 nuovi treni e non Hitachi Rail. Azienda, quest’ultima, che è nata da una evoluzione di Ansaldo Breda, ha sede a Napoli ed è amministrata da un ingegnere navale partenopeo che si chiama Maurizio Manfellotto.

«Le regole di attribuzione del punteggio riservato al sub-criterio dell’indice di disponibilità giornaliera poste dalla legge di gara – rilevano i  giudici del Consiglio di Stato in un passaggio della sentenza –  non prevedono margini di discrezionalità o di valutazione riservata alla stazione appaltante (o, per essa, alla commissione giudicatrice). Si è precisato, anzi, come l’assegnazione del punteggio è vincolata e automatica. Pertanto, nel caso di specie, l’accertamento della spettanza di detto punteggio, che consente al raggruppamento Stadler Rail di sopravanzare nella graduatoria la concorrente Hitachi, consente al giudice di accertare e dichiarare il diritto all’aggiudicazione in favore del predetto raggruppamento».

EaV ed Hitachi Rail dovranno farsi carico in solido delle spese di giustizia, pari a 5.000 euro. Il bando era da 314 milioni, dei quali 262 per la fornitura dei treni e 52 per il servizio di manutenzione quinquennale. Risolta la vertenza giudiziaria, la speranza – in particolare dei pendolari – è che la fornitura dei nuovi treni inizi in tempi ragionevoli. La Circumvesuviana dispone, infatti, di soli 60 treni e sono per buona parte molto vecchi.

Riproduzione Riservata