Il 45enne è ricoverato al Cardarelli

Al via, ieri mattina, gli interrogatori di garanzia per l’indagine su presunti appalti pilotati che mercoledì ha portato all’arresto dell’impreditore napoletano Alfredo Romeo per corruzione. Romeo ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere in attesa che i suoi difensori possano leggere tutti gli atti degli otto capi di imputazione contestati. Stessa scelta anche per Ivan Russo, suo stretto collaboratore, e per Giovanni Annunziata, ex dirigente dell’ufficio controlli ambientali e di supporto operativo per le decisioni dei Rup del Comune di Napoli.

L'imprenditore napoletano Alfredo Romeo
L’imprenditore napoletano Alfredo Romeo

È stato invece differito alla prossima settimana l’interrogatorio di Ciro Verdoliva, direttore generale dell’ospedale Cardarelli, all’epoca dei fatti responsabile Unico del Procedimento di gara e dirigente dell’Ufficio Tecnico dell’ospedale, che ha chiesto di conoscere prima il contenuto dei supporti informatici che gli sono stati sequestrati nel giorno della notifica dell’ordinanza. Sarebbe lui, secondo l’accusa, il regista degli appalti pilotati finiti nel mirino dei pm.

Ciro Verdoliva e il governatore Vincenzo De Luca
Ciro Verdoliva e il governatore Vincenzo De Luca

I quattro restano agli arresti domiciliari come disposto dal gip all’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare. Dalla prossima settimana inizieranno gli interrogatori anche per chi ha avuto una misura interdittiva. Dodici persone in tutto. Un’ordinanza di sospensione dai pubblici uffici per Achille Tatangelo, funzionario del Suap del Comune di Napoli, per Stefania De Angelis, dipendente del Suap, per Rosella Pesoli, funzionario della Sovrintendenza ai Beni Culturali di Roma, Gennaro De Simone, direttore tecnico dell’ospedale Cardarelli, per Emanuele Caldarera, ex direttore per la gestione e manutenzione degli uffici del complesso giudiziario di Napoli, Biagio Castiello e Gennaro Silvestri, militari del Gico della Guardia di Finanza di Napoli per rivelazioni di segreto d’ufficio. Divieto di esercitare l’attività professionale per Enrico Trombetta, amministratore della «Romeo Gestioni spa» e Raffaele Scala, dirigente della «Romeo Gestioni spa».