Antonio De Luca Bossa

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Nel primo mese di questo tipo di controlli i carabinieri hanno fermato e identificato 10.616 persone, 3.396 delle quali già note alle forze dell’ordine. Tra di loro 454 minori trovati in atteggiamento sospetto o in luoghi e orari non consueti. Sono stati sequestrati 7 coltelli e 3 tirapugni, segnalati al prefetto 47 assuntori con il sequestro di 33 grammi di cocaina, 10 di eroina, 122 di hashish e 71 di marijuana. Arrestate 16 persone e 106 denunciate a piede libero.

Multe per 207 parcheggiatori abusivi

Sono state elevate contravvenzioni a 207 parcheggiatori abusivi, 120 di questi hanno ricevuto l’ordine di allontanamento. In particolare, un uomo davanti all’ospedale Monaldi è stato individuato due volte a distanza di poche ore della stessa mattinata, due fratelli, allontanati da piazza Matteotti e via Battisti sono tornati il giorno dopo e infine i 15 ‘recidivi’ vicino all’ospedale San Gennaro, del Loreto Mare e del San Giovanni Bosco.Inoltre, sono state contestate 2.176 infrazioni al codice della strada, tra le quali 562 per circolazione in mancanza di copertura assicurativa e 178 per guida senza casco. Cinquecento quarantasei veicoli sono stati sottoposti a fermo o a sequestro amministrativo.

Oltre 10.600 persone controllate, tre arresti, 207 parcheggiatori abusivi sanzionati, sequestrati droga, tirapugni e coltelli. Questo il risultato di controlli straordinari dei carabinieri delle compagnie cittadine di Napoli, del nucleo radiomobile e del reggimento Campania. In particolare, una donna di 52 anni, incensurata, è stata arrestata per detenzione di arma da fuoco e cocaina. I carabinieri del nucleo operativo della compagnia Centro, nella sua casa in via delle Grazie, hanno rinvenuto nascosti in camera da letto 20 grammi di cocaina e una pistola semiautomatica calibro 9 con silenziatore. I carabinieri della compagnia Stella hanno bloccato e arrestato dopo un inseguimento in auto e a piedi, nella zona del Vasto, un 27enne tunisino già noto alle forze dell’ordine. Il giovane aveva strappato la borsa a una turista cinese.

In manette il figlio del ras

I carabinieri del nucleo radiomobile del reparto operativo hanno arrestato un 19enne del posto, già noto alle forse dell’ordine, figlio di Antonio De Luca Bossa, capo dell’omonimo clan camorristico attualmente detenuto. Secondo quanto ricostruito dai militari, il giovane, armato pistola e insieme a un complice in via d’identificazione, il 24 agosto scorso aveva rapinato un passante del motorino su corso Garibaldi. Il 12 settembre aveva tentato lo stesso colpo ad un’altra persona in via delle Repubbliche Marinare. Bloccato, è stato portato nel carcere di Poggioreale.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT