Antonio Ingroia e il capitano Ultimo

Pronto un nuovo ricorso davanti al Consiglio di Stato

Volano gli stracci nell’Antimafia, dopo che il Tar del Lazio ha confermato la revoca della scorta per l’ex pm Antonio Ingroia. Quest’ultimo utilizza il suo profilo Facebook, da un lato per commentare la scelta del Tribunale amministrativo regionale, dall’altro per una frecciatina contro il capitano Ultimo, al secolo Sergio De Caprio, l’ufficiale, per intenderci, che nel 1993 arrestò Totò Riina. Va detto che Ingroia non nomina Ultimo, ma il riferimento al graduato apparirebbe assai evidente. «Della decisione del Tar Lazio di respingere la richiesta di sospensiva del provvedimento di revoca della mia scorta non sono sorpreso, perché è chiaro che c’è qualche “venticello” contro di me, ma non mi arrendo perché è per me ormai anche una questione di principio. Quindi appellerò la decisione del Tar ancora una volta davanti al Consiglio di Stato», scrive Ingroia.

La frecciata
dell’ex pm
contro l’ufficiale
dei carabinieri

Che poi continua: «Vorrei capire come mai il Tar ha deliberatamente deciso di ignorare il giudizio del Consiglio di Stato, quando aveva scritto, appena qualche mese fa, che non era affatto escluso che “potesse tuttora sussistere” un rischio per la mia incolumità, “connesso alla pregressa attività di un magistrato, che è stato a lungo impegnato nella lotta contro la mafia”».

ad

Il post su Facebook

E poi il riferimento a Ultimo: «Così come vorrei capire perché lo stesso Tar Lazio, da una parte, ha disposto il ripristino della scorta per chi ha deliberatamente scelto di non perquisire il covo di Riina e di sospendere ogni attività di osservazione sul covo, così obiettivamente agevolandone lo svuotamento da parte dei mafiosi, e anche per chi, come ristoratore palermitano, ha subito anni fa intimidazioni estorsive, mentre ha ritenuto essere venuto meno ogni pericolo per chi, come me, la mafia l’ha combattuta per decenni da pm Antimafia a Palermo, anche come procuratore aggiunto coordinatore della Procura Antimafia di Palermo, e quindi coordinando decine e decine di indagini che hanno portato all’arresto di tanti pericolosissimi latitanti killer e capimafia, fatto condannare decine e decine di mafiosi per fatti gravissimi, e poi ha anche processato uomini dello Stato per collusione con la mafia, fino all’indagine sulla Trattativa Stato-mafia». «Spero che non sia quest’ultima la colpa che mi si vuole far pagare: quella di non essersi limitato a processare e ottenere la condanna di mafiosi della mafia militare, ma anche dei suoi complici col “colletto bianco”», ha concluso l’ex pm.