La vicenda.

Rivoluzione in vista per il management di Anm. Sabato, nel comunicato stampa del vicesindaco Panini, nel quale si è consumato l’ennesimo strappo con i lavoratori dell’Azienda napoletana mobilità, si è letta, neanche tanto tra le righe, una bocciatura o comunque un attacco diretto alla gestione della società partecipata (al 100% in house). Sulla graticola ci è finito l’amministratore unico dell’Anm Nicola Pascale, ex capostaff del vecchio assessore alla Mobilità Mario Calabrese. La cacciata di Pascale avrebbe un significato non soltanto tecnico, ma anche politico. L’attuale au di Anm è molto vicino al capo di Gabinetto e direttore generale del Comune Attilio Auricchio, che – cosa nota oramai – ha perso e continua a perde colpi e potere all’interno dell’amministrazione. Il sindaco de Magistris lo ha di fatto messo da parte rispetto a tutta una serie di questioni, politiche e amministrative.

Pare infatti che si vada verso un suo possibile ridimensionamento rispetto alla doppia carica che esercita attualmente, ma anche rispetto sul suo compenso. Potrebbe perdere infatti il profilo di capo di Gabinetto, ruolo politico che Auricchio non esercita più (e non per sua volontà). Pascale pagherebbe quindi la vicinanza ad Auricchio, che in questi anni è stato in prima linea su ogni questione riguardante Palazzo San Giacomo. Chi potrebbe sostituirlo? Si fa sempre più insistente la voce che possa essere l’attuale capostaff dell’assessore Alessandra Clemente, Alberto Corona, a puntare alla poltrona di amministratore della partecipata. L’assessore ai lavori pubblici, infrastrutture, parcheggi, strade, suolo e sottosuolo, oltre che giovani e patrimonio, oramai è in grande ascesa.

ad

La strada che porta ad una candidatura della Clemente a sindaco è ormai spianata. Il suo peso specifico ha surclassato quello del capo di Gabinetto del Comune Auricchio. Per questo non è da escludere che Corona possa concorrere per il dopo-Pascale. Corona, marito della staffista più fidata del sindaco de Magistris, ha avuto un aumento di stipendio come capostaff appena qualche mese fa. Chissà che nel giro di qualche settimana Corona possa fare un salto di qualità e diventare il numero uno dell’Anm.