Angelo Vassallo
Angelo Vassallo

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Angelo Vassallo, ex sindaco di Pollica, è stato ucciso a colpi di pistola il 5 settembre 2010. Meno di due mesi prima, il 22 luglio 2010, aveva fatto mettere a verbale dagli inquirenti le sue accuse in merito ai lavori mai eseguiti sulla strada provinciale Celso-Casal Velino. Sono passati otto anni da allora, ma la Corte dei Conti ha condannato sei tra dirigenti e tecnici della Provincia di Salerno. E, come riporta un articolo di ‘Repubblica’ a firma di Alessio Gemma, lo ha fatto riconoscendo il valore di quelle dichiarazioni fatte dallo stesso Vassallo. “Dell’importo del danno quantificato dalla Procura in 615.182,18 – si legge nella sentenza – va decurtato l’importo di 180mila relativo ai lavori degli scavi sbancamento, lavori che secondo il consulente del pm ordinario e secondo quanto dichiarato dal sindaco di Pollica nel verbale di sommarie informazioni del 22 luglio 2010, risultano eseguiti”.

La sentenza della magistratura contabile sulla cosiddetta “strada fantasma”, è arrivata ancor prima del verdetto penale, confermando un progetto di sistemazione e messa in sicurezza inadeguato che ha determinato “l’incompletezza e l’inutilità dell’opera realizzata, oltretutto in minima parte”. Portando, quindi, a condanne per 435mila euro, ai danni di Angelo Cavaliere, dirigente del settore servizi tecnici, Franco Cuozzo, direttore dei lavori, Gennaro Rizzo, capo area servizi viabilità, Vincenzo Bove, responsabile del procedimento presso l’ente nel 2002, Fernando Bassano e Antonio Cirillo, dipendenti del settore tecnico della Provincia.

Vassallo quel giorno del 2010 negli uffici della Guardia di Finanza disse: “Ho seguito i lavori periodicamente e sono consistiti solo nell’allargamento della vecchia sede stradale. Sono state effettuate solo opere di sbancamento”. La pista della “strada fantasma” è una di quelle seguite proprio nell’ambito delle indagini per individuare le ragioni dell’omicidio dell’ex sindaco di Pollica.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT