martedì, Agosto 9, 2022
HomeNotizie di AttualitàOrsini a valanga su Andrea Romano del Pd: «In Italia l'accusa di...

Orsini a valanga su Andrea Romano del Pd: «In Italia l’accusa di putinismo vuol dire libertà»

di aemme

Ieri l’onorevole Andrea Romano del Partito democratico ha presentato alla Camera in una conferenza stampa un report sui filorussi in Italia “per tracciare i casi di disinformazione del Cremlino”. Gli diamo una dritta, con tutto il rispetto dovuto: questo sì che è un atteggiamento totalitarista e antidemocratico. Non si fa attendere la replica del professor Alessandro Orsini attraverso la sua pagina Facebook: “Ho visto il rammarico con cui un uomo degnissimo come Corrado Augias ha reagito alla notizia di essere stato inserito in questo nuovo delirante elenco di presunti putiniani.

Andrea Romano del Partito democratico fa infuriare Orsini e Augias

Vorrei dirgli: stia tranquillo, caro Augias, l’accusa di putinismo in Italia è un’accusa di libertà; è un’accusa che viene scagliata contro quegli studiosi liberi che portano le decisioni dei governi davanti al tribunale della ragione. Viviamo in un’Italia capovolta: un’Italia in cui tanti analisti di politica internazionale si ergono a paladini della libertà del pensiero come se nessuno sapesse che sono stipendiati dai centri di potere che alimentano la guerra in Ucraina.

Non si fa attendere la replica del docente di sociologia del terrorismo

In Italia c’è di tutto: analisti di politica internazionale pagati dalla Nato, dalle grandi multinazionali o direttamente dalle agenzie governative o riconducibili al governo. E che cosa vi aspettate che questi analisti dicano di me? Mica possono dire che sono limitati nella loro libertà di espressione dai centri di potere per cui lavorano; mica possono dire che devono stare attenti a quel che dicono altrimenti perdono i fondi di ricerca e il posto di lavoro. Questi analisti devono dire che la Nato e il governo Draghi sono sempre nel giusto e che io faccio parte di una rete criminale collegata al Cremlino”.

Leggi anche...

- Advertisement -