Il veliero Amerigo Vespucci (fonte foto: Marina Militare Italiana)

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Ottantotto anni portati più che bene, orgoglio della Marina Militare italiana. Il legno, le decorazioni eleganti, gli alberi, una sagoma inconfondibile che l’ha reso celebre nel mondo. Venerdì scorso ha compiuto gli anni il veliero Amerigo Vespucci, l’imbarcazione in servizio piu’ anziana della Marina Militare Italiana, varata a Castellammare di Stabia, il 22 febbraio 1931. E’ nei cantieri navali stabiesi che ha preso forma e sostanza il progetto del veliero, tra i più famosi al mondo.

Quando arriva in porto o quando parte per un viaggio in giro per il mondo con gli allievi dell’Accademia Navale – spiega La Nazione, in occasione del compleanno – i livornesi vanno sempre ad ammirarla e a fotografarla.

Generazioni di allievi sono diventati uomini di mare sui ponti
della Vespucci, progettata da Francesco Rotundi, un abile ingegnere navale di Foggia, ufficiale del Genio della Marina e padre del veliero

Trentasei chilometri di corde, oltre duemila metri quadrati di vele, 101 metri di lunghezza, l’Amerigo Vespucci ospita d’estate – per la campagna di addestramento – oltre 400 persone. Un veliero sempreverde, giovane oggi come 88 anni fa.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT