giovedì, Maggio 26, 2022
HomeNotizie di CronacaCommerciante ucciso a coltellate, resta in carcere il figlio dopo la confessione

Commerciante ucciso a coltellate, resta in carcere il figlio dopo la confessione

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Il gip di Napoli Chiara Bardi ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Alfredo Cardone, 31 anni, che, nel pomeriggio di venerdi’ scorso, al culmine di una lite, ha accoltellato e ucciso il padre Vincenzo nel market di famiglia che si trova in via Nuova Poggioreale. All’indagato, sottoposto a fermo dal pm della Procura di Napoli Maria Sofia Cozza, viene contestato l’omicidio volontario aggravato dai futili motivi e dalla crudenta’. Rintracciato e bloccato dalla Polizia dopo l’assassinio del padre, Alfredo Cardone e’ stato sottoposto a fermo e poi chiuso in carcere al termine di un lungo interrogatorio in Questura durante il quale ha confessato.

 

Secondo quanto si e’ appreso padre e figlio litigavano spesso a causa della gestione della pizzeria di famiglia, che Vincenzo aveva affidato al figlio. Venerdi’, dopo un accesso diverbio davanti al market, il 31enne ha afferrato un coltello dal bancone della macelleria e ha sferrato sei fendenti che hanno raggiunto il padre alla gola e all’addome, ferendolo a morte. Il tutto sarebbe avvenuto davanti alla sorella dell’assassino reo confesso. La vittima e’ poi deceduta nell’ospedale Loreto Mare, a causa delle gravi ferite riportate. Il fascicolo sara’ ora affidato a un magistrato della IV sezione della Procura della Republica di Napoli. Dagli accertamenti, infine, e’ emerso che Vincenzo Cardone, ha precedenti per aggressione.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Leggi anche...

- Advertisement -