Alberghi, agosto nero a Napoli

Il Covid ha influito pesantemente sulla mancata presenza di stranieri, in picchiata anche il traffico di passeggeri a Capodichino: – 62,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

Si attestano sul 49% le presenze negli alberghi napoletani, ad agosto. Dati che fanno registrare un calo del 30% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, quando le presenze, nei 150 alberghi partenopei, ammontarono al 79%. I numeri della crisi, innescata dalla pandemia Covid, sono stati diffusi nelle scorse ore da Federalberghi Napoli, che ha sottolineato come i dati di agosto fossero prevedibili e che sarebbe potuta andare anche peggio. Le previsioni per settembre sono tutt’altro che rosee. Il picco in negativo, per quel che riguarda agosto, è naturalmente imputabile alla mancata presenza di turisti stranieri, al riguardo c’è pure da considerare – come riporta Il Mattino – che, per il mese appena trascorso, il traffico di passeggeri allo scalo di Capodichino, ha fatto segnare meno 62,7% rispetto allo stesso periodo del 2019.