La 74enne si trovava in stato confusionale in via Cilea: doveva tornare a Frattamaggiore

di Luigi Nicolosi

ad

Mantenere il contatto con il prossimo e con la sensibilità nonostante l’emergenza coronavirus che sta mettendo in ginocchio il Paese. È quello che devono aver pensato gli uomini della polizia locale che l’altro ieri pomeriggio, in via Cilea, si sono imbattuti in un’anziana donna che, in evidente stato confusionale, sosteneva di non sapere come fare per tornare a casa. Peccato che il suo domicilio si trovasse non in zona, ma addirittura a Frattamaggiore. I caschi bianchi, verificata la veridicità di quelle parole, si sono quindi immediatamente attivati con un colletta.

Messa mano alla tasca, i valorosi agenti dell’unità operativa Vomero-Arenella diretta dal capitano Gaetano Frattini hanno quindi raccolto alcune decine di euro, dopo di che hanno chiamato un taxi e fatto accompagnare la donna a Frattamaggiore. L’anziana signora, 74 anni, davanti a quel gesto non ha potuto fare a meno di lasciarsi andare a un pianto liberatorio. La donna, infatti, fino all’arrivo degli agenti appariva a dir poco disorientata. Avvicinata dai uomini della Municipale, ha quindi spiegato che sarebbe dovuta tornare nel proprio comune di residenza, ma che non sapeva come fare. Alla fine una rapida colletta ha risolto il problema. Un piccolo gesto di amore in una stagione decisamente da incubo per Napoli, così come per il resto del globo.