Sulla piattaforma GoFundMe, la giovane chiede sostegno e solidarietà per le spese del suo locale e per le sue due bambine

Valeria, 28 anni, è una mamma di Portici (Napoli) di due gemelline di un anno. Ad aprile ha perso il marito, Mariano giovane come lei e pieno di sogni col quale gestiva un wine bar a San Giorgio a Cremano (Napoli) dopo aver ottenuto un finanziamento per l’apertura. Quella sera del 30 aprile a bordo di moto, dopo una giornata di lavoro, faceva ritorno a casa quando è stato investito da un’auto, lasciato sull’asfalto, privo di vita. Oggi Valeria deve far fronte alle spese del locale, restituire il prestito e soprattutto crescere due figlie che il marito amava tantissimo. Per questo ha deciso di dar vita a una raccolta fondi attraverso la piattaforma di crowdfunding GoFundMe: è possibile donare e finora è arrivata a 4mila euro.

ad

“Ho pensato di chiudere il locale ma ho tanti debiti tra lavori, finanziamento da restituire, macchinari da pagare, quindi ho provato a riaprire ma da sola non è facile, era Mariano che sapeva fare tutto’ – racconta Valeria su GoFundMe – Vorrei recuperare solo i soldi che devo ridare per il finanziamento e i lavori, per il futuro delle mie figlie, per dare loro una speranza, perché so cosa significa crescere senza un padre e lo stesso triste destino è capitato anche a loro. Mi manca ogni singolo momento con Mariano, mi manca il suo sorriso, mi mancano le nostre cene, mi manca andare a fare la spesa con lui e scegliere quello che ci piaceva, mi manca organizzare con lui la giornata o semplicemente vedere un film, mi manca ogni giorno sempre di più e quando guardo le nostre bimbe vedo lui, vedo noi, vedo quello che ci è stato tolto. Chiedo un aiuto per me, le mie bambine e per Mariano che ha sempre combattuto nella vita, non si è arreso mai a nulla, solo alla morte che l’ha portato via a soli 32 anni. Non abbiamo mai chiesto aiuto, ma oggi devo farlo per le nostre figlie. Posso solo sperare nell’aiuto delle persone e ringrazio fin da ora chi ci sosterrà in questa iniziativa”

Riproduzione Riservata