Camorra scatenata nel Vesuviano: Giuseppe Carpentieri, 50 anni, era stato scarcerato da poche settimane. La vittima è stata scaricata al pronto soccorso

di Luigi Nicolosi

ad

Tregua finita, le pistole della camorra tornano a seminare sangue e piombo anche nel Vesuviano. Giuseppe Carpentieri, 50enne affiliato di vecchio corso al clan Gionta di Torre Annunziata, è stato scaricato intorno alle alle 15 di oggi davanti al pronto soccorso di Boscotrecase. Al momento le condizioni di salute della vittima non sono note. Sull’episodio indagano intanto i carabinieri.

Quello di Carpentieri è un volto ben noto agli archivi delle forze dell’ordine. Il 50enne è infatti un affiliato storico al clan egemone nella città oplontina ed è anche il genero del capoclan ergastolano Valentino Gionta. Già destinatario di diverse ordinanze di custodia cautelare, Carpentieri era stato scarcerato da poco più di un mese. Qualcuno, dopo averlo atteso a lungo, potrebbe dunque avergli presentato il conto.

Riproduzione Riservata