Armando Del Re
Nei riquadri, Armando Del Re (a sinistra) e il fratello Antonio (a destra)

Per la procura furono loro a sparare tra la folla, davanti a un bar, per colpire Salvatore Nurcaro e ferendo anche anche la piccola Noemi.

Hanno scelto di essere processati con il rito abbreviato i fratelli Armando e Antonio Del Re, ritenuti responsabili dell’agguato del 3 maggio dello scorso anno nel quale rimase ferita a piazza Nazionale a Napoli, la piccola Noemi e Savatore Nurcaro, reale obiettivo del raid. Questa mattina il gip, Vincenzo Caputo, del Tribunale di Napoli ha accolto la richiesta dei due imputati, collegati in video-conferenza. La requisitoria del pm e’ prevista per marzo, le arringhe della difesa per aprile.

Nel processo si sono costituti parte civile i genitori e i nonni della piccola Noemi, e il Comune di Napoli. Per i pm, fu Armando Del Re a sparare tra la folla, davanti a un bar, per colpire Nurcaro, ferendo anche anche Noemi che era insieme alla nonna, anche lei ferita. Antonio Del Re avrebbe fornito supporto logistico al fratello. A incastrarli le immagini delle telecamere.

ad