Agguato nel cuore del centro storico: ferito un uomo

Ferito un uomo

di Luigi Nicolosi

ad

Agguato con giallo nel fortino del clan Giuliano, rotta la pax dei Decumani. Un commando è entrato in azione ieri sera tra le 21 e le 21,30 all’incrocio tra vico Zuroli e piazza cardinale Sforza, nel cuore dei Tribunali, esplodendo sei colpi di pistola. Stando ai primi rilievi tecnici eseguiti sul posto, non si sarebbe trattato dell’ennesima stesa a scopo intimidatorio, bensì di un omicidio fallito. Sulla scena del crimine la Scientifica ha infatti individuato alcune, vistose tracce ematiche. L’obiettivo del raid, almeno per il momento, ha però fatto perdere le proprie tracce: la sua presenza, infatti, non è stata registrata in nessuno dei pronto soccorso della zona.

L’allarme è scattato poco dopo le 21 di ieri, quando i centralini della sala operativa della questura di Napoli hanno ricevuto le prime richieste di intervento per l’esplosione di diversi colpi di arma da fuoco. Le segnalazioni si sono purtroppo rivelate fondate. Raggiunto vico Zuroli, infatti, i poliziotti hanno subito individuato e repertato sei bossoli e alcune tracce di sangue. Di testimoni oculari, tanto per cambiare, neppure l’ombra. Le indagini vanno intanto avanti e gli investigatori stanno adesso provando a individuare eventuali telecamere che possano aver inquadrato almeno un passaggio del gruppo di fuoco. La zona in cui è stato messo a segno l’agguato è storicamente considerata sotto il controllo del clan Giuliano, motivo per il quale gli “007” di via Medina non escludono che dietro il raid possa celarsi una nuova tensione tra la “paranza dei bambini”, cartello di camorra al quale i Giuliano sono federati, e il clan Mazzarella, la cui presenza ormai da alcuni mesi viene registrata con sempre maggiore insistenza nella zona dei Decumani e di via dei Tribunali.