sabato, Agosto 13, 2022
HomeNotizie di CronacaL'agguato all'ex pentito di Poggiomarino deciso in una mansarda dal nuovo boss

L’agguato all’ex pentito di Poggiomarino deciso in una mansarda dal nuovo boss

Ricostruita la vicenda del raid fallito contro Carmine Amoruso: a dare l’ordine e a sparare è stato Rosario Giugliano «’o minorenne».

Sarebbe stato Rosario Giugliano, detto “o’ minorenne”, boss emergente di Poggiomarino, a pianificare e a eseguire, con il supporto di Nicola Francese, l’agguato, poi fallito, nei confronti di Carmine Amoruso, ex collaboratore di giustizia, che da alcuni mesi si è allontanato dalla località protetta dove era stato collocato nell’ambito di un programma di protezione.

Giugliano e Francese sono stati arrestati nell’ambito di una operazione che, all’alba di oggi, ha fatto scattare le manette per 26 persone, portando a un sequestro beni di 50 milioni di euro.

Il raid è avvenuto martedì scorso a San Marzano sul Sarno nel Salernitano, e, secondo i pm antimafia, che contestano ai due la premeditazione del tentato omicidio aggravato dalle finalità mafiose, il movente è da ricercare nei contrasti sorti con l’ex pentito nell’ambito dei rispettivi interessi criminali, più che nelle sue dichiarazioni.

Grazie alle intercettazioni, si è potuto scoprire che la tentata eliminazione è stata pianificata in una mansarda di Pagani (Salerno). Il 13 aprile, i due killer hanno bloccato, con la loro auto, la vettura su cui viaggiavano Amoruso e il fratello, esplodendo almeno 14 colpi, con due pistole. Solo la prontezza di riflessi e la fortuna hanno consentito alla vittima, anche se ferita, di riuscire a sfuggire all’agguato.

Leggi anche...

- Advertisement -