I fratelli acerrrani Cuono, Giovanni e Salvatore Pellini

Respinte le richieste dei legali.

La prima sezione del tribunale di Sorveglianza di Napoli ha respinto la richiesta di una misura cautelare alternativa al carcere presentata dagli avvocati dei fratelli Giovanni, Cuono e Salvatore Pellini, per i quali si riaprono le porte dei penitenziari. I primi due si sono costituiti presso quello di Arienzo, mentre il terzo presso quello militare di Santa Maria Capua Vetere.

Nel 2017 la condanna in via definitiva a 7 anni di reclusione, dei quali dovranno scontare altri due, dopo la scarcerazione nel marzo 2018, perché ritenuti colpevoli di reati ambientali ad Acerra, nel Napoletano.