La sede dell'Anm a Fuorigrotta
La sede dell'Anm a Fuorigrotta

Da 69 passano a 13 i lavoratori Anm che saranno costretti al passaggio ad altre partecipate del Comune. Pare alla fine sarà Asìa ad accogliere i dipendenti dell’azienda di trasporto. La riunione che si è tenuta oggi tra i sindacati e i vertici aziendali ha portato il primo risultato dopo una lunga contrattazione, che va avanti da giugno. Saranno invece 59 i lavoratori che andranno in prepensionamento, attraverso la Naspi.

«Grazie all’avvio del fondo regionale siamo riusciti a garantire una soluzione quasi totale al problema, ma soprattutto non abbiamo fatto perdere soldi ai lavoratori che andranno in pensione anticipatamente». Così il segretario generale della Fit-Cisl Alfonso Langella.

ad

asia anm

«Dall’8 giugno – spiega in una nota il sindacalista – stiamo affrontando la problematica legata all’apertura della procedura di mobilità in Anm, da allora sono cambiate molte cose. Oggi, in sede aziendale, siamo riusciti a modificare i numeri della procedura. Un grazie va alla dirigenza Anm, al Comune e alla Regione, quest’ultima con l’avvio del fondo regionale ha garantito una soluzione quasi totale. Secondo i dati che l’azienda ci ha fornito, possiamo affermare che saranno soltanto13 le unità che si sposteranno verso le altre partecipate, con la possibilità di azzerare questo dato nel prossimo futuro. La Fit Cisl, insieme a Filt e Uilt hanno avuto ragione nelle decisioni sindacali prese in questo periodo di contrattazione».

Riproduzione Riservata