L’operazione condotta dai carabinieri

E’ finito in carcere a causa di una lite familiare. Prima minacciò il cognato con una pistola, poi al culmine dell’alterco, lo ferì al fianco con due coltelli da cucina. Per questo motivo i carabinieri della compagnia di Torre del Greco hanno arrestato, eseguendo un’ordinanza emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina, Ciro Massa, 40 anni.

L’uomo è accusato di porto illegale
di arma da fuoco, violazione della
sorveglianza speciale, lesioni e minacce

Lo scorso 17 settembre, per ragioni da ricercare in liti familiari, Massa aveva portato con sé una pistola ed aveva minacciato di morte il cognato.

La lite era poi continuata in casa del quarantenne, dove quest’ultimo avrebbe ferito il cognato al fianco con due coltelli da cucina. I carabinieri si erano trovati in ospedale proprio nei minuti in cui vi era arrivato il ferito per farsi medicare e qui avevano chiesto spiegazioni sull’accaduto e l’uomo aveva raccontato una vicenda ritenuta assurda dai militari. Erano così partite le indagini ed i primi accertamenti avevano portato gli inquirenti a casa dell’arrestato dove avevano rinvenuto due coltelli appena lavati, nel lavandino della cucina. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile torrese hanno dunque ricostruito la vicenda e chiesto all’autorità giudiziaria di emettere una misura cautelare. Massa è stato rinchiuso in carcere.