La cerimonia d’inaugurazione della 14esima edizione.

“Luci d’Artista è diventato uno degli eventi di maggiore richiamo in Italia, siamo molto contenti. Salerno non è una grande città d’arte, quindi ci dobbiamo scavare con le mani il futuro. Dobbiamo inventarci le occasioni per fare economia, turismo, per attrarre gente”. Lo ha detto il governatore della Campania, Vincenzo De Luca a margine della cerimonia d’inaugurazione della 14/a edizione di Luci d’Artista, che si è svolta ieri sera a Salerno.

“Avremo circa due milioni di visitatori da qui a fine gennaio. Questo significa aver creato un’intera economia. Dobbiamo essere all’altezza di questa sfida, far crescere la cultura dell’accoglienza, proporre una città bella attraente, affascinante ma anche sicura e pulita. Dobbiamo sentirci pienamente impegnati in questo evento”, ha aggiunto il governatore della Campania che, come accade in quasi ogni edizione (ha saltato solo quella dello scorso anno) ha prima presenziato all’accensione in villa comunale, per poi percorrere in corteo le stradine del centro storico fino ad arrivare in piazza Flavio Gioia per un altro saluto. Durante il percorso ha interrotto più volte la marcia per salutare i suoi concittadini, ricevendo anche in regalo da un artigiano una statuetta che lo raffigurava.

ad

Insieme a De Luca, tra gli altri, c’erano anche i figli Piero e Roberto, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli e il regista Corsicato che ha realizzato un video promozionale dell’evento. “È l’ultimo anno che celebreremo in villa comunale questo evento”, ha annunciato il governatore, facendo partire il conto alla rovescia per il completamento dei lavori di piazza della Libertà. “Avremo la piazza sul mare più grande d’Europa, è stato un calvario ma ci siamo riusciti. CI saranno 700 posti auto interrati e più servizi per i turisti che faranno di Salerno una Montecarlo o una Cannes del Sud”.

Riproduzione Riservata