Le indagini che hanno portato alla luce le violenze nei confronti della ragazzina, oggi 16enne, da parte del padre, un 56enne di nazionalità filippina, sono cominciate dopo la decisione di confidarsi con la parente.

Un 56enne, di nazionalità filippina, è stato arrestato, su ordine del Gip di Santa Maria Capua Vetere, dai carabinieri di Capua, nel Casertano, perché accusato di aver abusato sessualmente per 5 anni della figlia, oggi 16enne.

Le indagini hanno preso il via a maggio, dopo la decisione della ragazzina, esasperata, di confidarsi con una zia, da cui si è rifugiata per sfuggire al padre. La zia ha poi convinto la 16enne a denunciare l’accaduto, ripercorrendo, in audizione protetta con il magistrato, quanto accaduto da quando aveva appena 9 anni. Le violenze sarebbero andate avanti fino ai 14 anni, e sono andate scemando perché il padre aveva probabilmente perso “interesse” per la figlia.

ad

Non si sono fermate, però, le molestie da parte dell’uomo, proseguite fino a maggio scorso.

Riproduzione Riservata