In degustazione ci saranno i vini vincitori del XXVII concorso Mondial Vins Extremes 2019

Vini coltivati in terre strappate ai boschi e al mare. Sono i vini ‘eroici’ che verranno degustati a Pozzuoli dal 25 al 27 ottobre nella seconda edizione di “No limits wine – diving” organizzata nell’ambito del Villaggio Letterario in ricordo di Raimondo Bucher, scopritore del parco archeologico sommerso di Baia. La rassegna punta a valorizzare i vini “eroici” del mondo, in particolare quelli di cui e’ ricca la Campania. In degustazione ci saranno i vini vincitori del XXVII concorso Mondial Vins Extremes 2019 che verranno versati nel Castello di Arco Felice, dove si svolgeranno anche seminari e convegni.

Si parte venerdi’ con i saluti del sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia prima del seminario “Viticoltura eroica” con la presentazione del C.E.R.VI.M (Centro Ricerche Viticole Montane) e della viticoltura eroica internazionale. Alle 18.30 cominciano le degustazioni di vini estremi del mondo a cura di Gianni Giardina, con Francesco Puntorieri e Emilio Scotto di Tella. La giornata si concludera’ con una cena classica napoletana con un particolare abbinamento cibo vino ed il tour agli scavi archeologici nell’ipogeo della villa, uno mausoleo paleocristiano del IV secolo.

Il giorno dopo scatta il diving, con le immersioni nel parco archeologico marino, mentre nel pomeriggio si torna a discutere con la tavola rotonda “Prospettive future della viticultura estrema” moderata da Adele Elisabetta Granieri, responsabile Slow Wine Campania e Basilicata, seguito dal convegno “Il punto di vista sulla viticoltura in Campania ed in Sicilia”. In serata nuova degustazione con i dieci vini vincitori del concorso “Mondial Vin Extremes” a cura di Gianni Giardina. Nell’ultima giornata si esploreranno nel dettaglio i vini eroici di Campania e Sicilia con alcuni viticoltori “eroici”.