La sede dell'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Centrale a Napoli

Al centro della disputa tra Bagno Elena e Palazzo Petrucci, la concessione di un lido. Ricorso contro l’Authority

Un pezzo di spiaggia, a Posillipo, la cui gestione, dal 2009 è stata concessa al Bagno Elena. Un pezzo di sabbia davanti al mare, e proprio antistante Palazzo Petrucci, ristorante stellato, che per quella porzione di sabbia ha in programma, di allestire un lido. Ma lo scorso dicembre, l’Authority di Napoli (guidata allora da Pietro Spirito) ha rinnovato per altri quattro anni la concessione al Bagno Elena, innescando la reazione dei titolari di Palazzo Petrucci.

Ed è esplosa la battaglia a suon di carta bollata. Motivo? Il ricorso al Tar è stato presentato perché, sostiene il legale dei responsabili di Palazzo Petrucci, «la concessione è stata più volte prorogata in violazione delle norme comunitarie e nazionali».

ad

Contestualmente è partita anche una lettera indirizzata a Piazzale Pisacane (sede dell’Adsp del Mar Tirreno centrale, alla cui guida, nel frattempo, si è insediato Andrea Annunziata). Con la missiva – riporta il Corriere del Mezzogiorno – si chiede che, per la porzione di spiaggia contesa, sia bandita una selezione pubblica, e si fa presente che Even More (la srl che gestisce Palazzo Petrucci) «intende partecipare».

Riproduzione Riservata